libertà di cattiva stampa

questo blog si schiera decisamente per la libertà di stampa, e spera che aumenti in futuro qui in Italia.

questo blog spera anche che, con la maggiore libertà, migliori la qualità della stampa, in modo da non dover più scrivere al gazzettino per rettificare i loro articoli 🙂

mercoledì scorso hanno pubblicato una “analisi” (con molte virgolette) sulla redditività dei dipendenti delle società controllate dal comune di venezia. come consuetudine hanno usato i dati a conferma di tesi preconcette, mescolando le classiche pere e mele per distorcere la verità.

La precisazione
      QUEL METODO È OPINABILE Continua a leggere libertà di cattiva stampa

viva il partito delle libertà

ma questi, quella parola (libertà) che hanno nel nome del partito sanno cosa vuol dire?

dal, cosiddetto, decreto sicurezza:

test anti-droga
chi vorrà prendere la patente deve sottoporsi prima a un test antidroga.

mah, non mi risulta sia vietato prendere droghe. e visto che c’erano perché non mettere anche un controllo sull’assunzione di alcol. solo gli astemi dovrebbero guidare.

niente divieto sulle sigarette
una buona notizia per i fumatori, bocciata l’ipotesi di vietare di fumare a chi guida.

la lobby del tabacco è più forte di quella del prosecco. si vede che Zaia non è più ministro. Continua a leggere viva il partito delle libertà

la casa di vetro

sono iniziati i lavori del nuovo consiglio comunale di Venezia e la prima azione registrata è decisamente significativa e di buon auspicio per il proseguimento.

merito della lista “in comune” che ha presentato una proposta di delibera di iniziativa consiliare per la creazione della “anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati”, che spero vivamente venga sostenuta con forza anche dal PD.

in pratica si renderebbero pubblici stipendi, rimborsi spese e gettoni di presenza percepiti da consiglieri comunali, sindaco e assessori; e in più verrebbero periodicamente pubblicati dichiarazione dei redditi, interessi finanziari ed eventuali incarichi in società di capitali. In aggiunta anche alcuni elementi per valutare la partecipazione ai lavori del comune quali presenze e votazioni effettuate. Continua a leggere la casa di vetro