Politica e scatole

Dentro ci sta quello che decidi tu.

Se tu ci vedi un commerciante grasso, unto e viscido, con il fiato nauseabondo e il sorriso di un cammello, la politica assumerá quella stessa forma.

 

Ma se cominci a credere che gli possiamo togliere gli occhiali, spettinare la “scrima”, abbassare il cavallo dei pantaloni, allentare il nodo della cravatta e buttare quella stupida borsa in simil pelle da cui non si separa mai, le cose cambiano!

La politica è consenso, attorno ad idee.
Ma le idee da sole non bastano. Continua a leggere Politica e scatole

strumenti internet per una politica partecipata

La partecipazione on-line
Il rapporto fra la politica  e la rete, in Italia, è ancora agli inizi. Oggi i partiti non sono molto diversi dalle nostre imprese, che in larga misura continuano immaginare un marketing unidirezionale (vetrine, commercio elettronico, pubblicità), invece che un mezzo di comunicazione bidirezionale.
Una delle innovazioni fondamentali che dovrebbe caratterizzare il Partito Democratico è, quindi, proprio il rapporto con la rete. Considerati il tasso di crescita degli utenti in rete, e la rapida evoluzione del modo con cui tali utenti fanno comunità, un uso consapevole e innovativo della rete può davvero contribuire a rendere concreta l’intenzione di fare un partito veramente democratico, in cui i cittadini elettori ed i militanti abbiano voce in capitolo. Continua a leggere strumenti internet per una politica partecipata

politica e facebook

Come sappiamo bene, negli ultimi anni il web sta diventando sempre più uno “spazio sociale”, dove esiste vantaggio di attingere ai giudizi di molte persone differenti e dove è sempre più facile condividere idee ed esperienze.

Mai come oggi è stato possibile gestire le relazioni con una molteplicità di persone lontane geograficamente grazie al boom dei Social network, siti che hanno molti utenti e permettono di iniziare e mantenere contatti (per divertimento o per business). Continua a leggere politica e facebook