errata corrige

ieri avevo scritto “13mila votanti, pochi rispetto ai 25mila annunciati nei giorni scorsi, e pochi anche rispetto ai 18 mila che erano andati a votare per le primarie di ottobre”

lette le dichiarazioni dei maggiori esponenti del PD veneziano, prendo atto di non avere capito nulla e mi scuso con i lettori. in effetti non avevo tenuto conto del freddo polare, la benzina finita, le gomma a terra, i soldi per prendere il taxi, i funerali delle madri, le cavallette!

.

“forse il freddo polare ha frenato la partecipazione” è la spiegazione ricorrente

per Orsoni non è una stata una bassa affluenza, «faceva freddo, non c’è stata una campagna mediatica e televisiva come per le primarie di Bersani, e comunque alle urne è andato il quadruplo dei quattro partiti che le hanno organizzate»

il sindaco Cacciari ha definito “buona” la partecipazione di elettori (13 mila) che egli non si aspettava molto superiore

«oltre a essere mancato il traino nazionale, – spiega Scaramuzza – bisogna considerare che la campagna elettorale è stata molto corta. l’abbiamo aperta solo dopo capodanno, e questo ha contato, come ritengo abbia contato la giornata freddissima».

per fortuna non sono l’unico a non aver capito, il giorno prima del voto la dichiarazione ufficiale era: «abbiamo fatto stampare 30mila schede e prevediamo un’affluenza tra i 20 e i 25mila elettori»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *