vogliamo tutto e lo vogliamo subito

sorpresa!

la lotteria di capodanno non era mai andata così male.

sorpresa davvero, per tutti gli attenti osservatori della stampa italiana.

strano che non si fossero accorti che l’italiano ha cambiato le abitudini di gioco negli ultimi tempi. oggi sono di moda le slot machines e il poker online, vanno a gonfie vele superenalotto e gratta e vinci. Continua a leggere vogliamo tutto e lo vogliamo subito

l’italia è una repubblica fondata su…

devo dirmi d’accordo con il mio futuro sindaco. è arrivato il momento di togliere il lavoro dall’articolo uno della costituzione.

oggi dobbiamo dire che l’Italia è una repubblica fondata sull’azzardo.

Ormai i fortunati che hanno un lavoro sono sempre meno, e anche questi non sono sicuri più di tanto di tenerselo.

E poi, diciamocelo, che senso ha faticare otto ore al giorno per fare una vita da sfigati quando si può tentare il colpo gobbo con lotterie, slot machines, gratta e vinci e via discorrendo? Continua a leggere l’italia è una repubblica fondata su…

rien ne va plus


so che scrivere lettere al gazzettino è il penultimo stadio dell’abiezione umana, ma mi sono venuti i 5 minuti e, per la prima volta in vita mia, l’ho fatto.

sul gazzettino dell’11 dicembre c’era un articolo sui rapporti fra il Casinò e una società di comunicazione di Bologna – Adm Com – in cui si racconta “Il contratto di questa società è però rinnovato trimestralmente e recherebbe la firma singola del solo direttore generale, il quale però avrebbe potere di sottoscrivere contratti in firma singola con massimale di 300mila euro, senza passare per il consiglio di amministrazione.”
il giorno seguente arriva un’intervista di “chiarimento” del direttore. da le sue motivazioni sulle scelte fatte ma dice anche la cosa che mi ha fatto inalberare. alla domanda se non è possibile affidare la promozione a personale interno, visto che tra l’altro esiste una vostra società che si chiama Venezia Marketing & Eventi; ha risposto «No, perchè all’interno del Casinò non ci sono le professionlità».

Continua a leggere rien ne va plus

Casinò, che fare?

venetianmacao

Non è un periodo economicamente fortunato per il paese, ma il settore del gioco è uno dei pochi che non ne sta risentendo. Nomisma* ha dedicato il suo quaderno dell’economia di aprile ad una attenta analisi sul gioco in Italia, dove evidenzia che nel 2008 la raccolta totale dei giochi legali è stata pari al 3% del PIL – 47,5 miliardi di euro – con un aumento rispetto al 2007 del 12,6%.

Il 2009 prosegue questo andamento positivo e le stime per quest’anno – 53,8 miliardi – sono di ulteriore crescita del settore, nonostante la crisi. Probabilmente si dovrebbe dire grazie alla crisi, perchè come ricordava a ottobre 2008 il presidente del Casinò di Venezia, Pizzigati, “Nelle crisi economiche si taglia il voluttuario però c’è sempre l’inseguimento del sogno». Dichiarazione perfettamente condivisibile, ma che non vale per il Casinò di Venezia; in questo caso la crisi ha portato una diminuzione degli introiti nonostante l’aumento degli ingressi, conseguenza di una minore spesa “pro-capite” dei clienti. Continua a leggere Casinò, che fare?