la sostenibile leggerezza del cemento

mentre tutti i politici si riempiono la bocca di sostenibilità e green economy, assisto impotente all’ennesimo esempio di quanto i fatti siano in contrasto dalle parole.

il cosiddetto quadrante di tessera è un’operazione che parte da lontano, già nel 2000 era stata fatta una convenzione tra comune e marco polo srl per il nuovo stadio e infrastrutture di servizio; nell’ottobre 2004 con una variante parziale al PRG di terraferma erano state previste “la modifica della localizzazione del nuovo stadio per il gioco del calcio di Venezia e l’insediamento della nuova sede di terraferma del casinò e del centro polifunzionale ad essa connesso” collegate ad “un progetto di sviluppo urbanistico incentrato sulla realizzazione delle strutture del casinò e del nuovo stadio”, per un totale di 600 mila metri cubi di nuova edificazione.

ma non era abbastanza. Continua a leggere la sostenibile leggerezza del cemento

decoubertianiani?

pierre_de_coubertinBene.

Ormai l’annuncio di Cacciari e Galan della candidatura di Venezia per le olimpiadi del 2020 è cosa ampiamente digerita. Lì per lì ha sorpreso i più; e ammetto che neanche io me l’aspettavo una uscita così tempestiva; dichiararlo appena proclamata la sede del 2016 ha dimostrato un indubbio tempismo. Chapeau!

A un mese di distanza, sono sfumate anche le polemiche sul, ridicolo, balletto di pretendenti italiane: Roma , Palermo , Bari.

Adesso inizia la lunga attesa; il nome della città candidata (una sola) si saprà solo dopo marzo 2010, dopo le elezioni amministrative. Quello che sappiamo per certo già oggi è che le prossime (nel 2012) si svolgeranno a Londra, e quindi in Europa. E che per il 2020 si profila una candidatura asiatica di indubbio fascino e prevedibile forza, Hiroshima/Nagasaki. Continua a leggere decoubertianiani?