beati gli ultimi

beati gli ultimi perchè saranno i primi. a essere tagliati.

nella finanziaria pare ormai sicuro esserci il taglio delle municipalità.

lasciatemi trenta secondi di benaltrismo, per una volta.

ma dopo averci promesso in tutte le salse l’abolizione delle provincie e la riduzione del numero dei parlamentari, proprio le municipalità dovevano chiudere?

e io adesso che non posso più parlare con toni e ludovica cosa faccio? a chi dico delle buche nelle strade e dei graffiti in calle? Continua a leggere beati gli ultimi

strumenti internet per una politica partecipata

La partecipazione on-line
Il rapporto fra la politica  e la rete, in Italia, è ancora agli inizi. Oggi i partiti non sono molto diversi dalle nostre imprese, che in larga misura continuano immaginare un marketing unidirezionale (vetrine, commercio elettronico, pubblicità), invece che un mezzo di comunicazione bidirezionale.
Una delle innovazioni fondamentali che dovrebbe caratterizzare il Partito Democratico è, quindi, proprio il rapporto con la rete. Considerati il tasso di crescita degli utenti in rete, e la rapida evoluzione del modo con cui tali utenti fanno comunità, un uso consapevole e innovativo della rete può davvero contribuire a rendere concreta l’intenzione di fare un partito veramente democratico, in cui i cittadini elettori ed i militanti abbiano voce in capitolo. Continua a leggere strumenti internet per una politica partecipata