una serena riflessione post elettorale

“e a chi dobbiamo dire grazie di questo capolavoro? a quelle teste di c… dei grillini“. … è arrabbiatissimo, “gli darei fuoro a quelli lì, sono degli sciagurati, – cut -“.

l’illustre commentatore sta parlando del voto in piemonte, ma credo che l’opinione sia estendibile a tutte le liste a cinque stelle.  non riesco a capire esattamente cosa intenda con dargli fuoro. immagino sia un refuso, ma a naso non dovrebbe essere un complimento.

si capisce meglio cosa ci sia al posto dei puntini, dopo la c.

secondo voi chi è?

vi do un indizio, da un paio di giorni dovrebbe aver lasciato la politica. speriamo smetta anche di concedere interviste.

a parte l’identità dell’intervistato, è da qualche giorno che mi frulla una considerazione in testa.

vero che i grillini hanno tolto più voti alla sinistra, ma perchè dovrebbero sentirsi in colpa per questo? mi pare lampante che per chi segue grillo PD e PDL siano assolutamente equivalenti. credo che per loro essere amministrati da cota o da bresso sia la stessa identica cosa. e così sarebbe stato con una vittoria di brunetta a venezia. o sbaglio?

Un pensiero su “una serena riflessione post elettorale”

  1. I grillini considerano pari PD e PDL perchè sui temi che gli stanno più a cuore non ci sono sostanziali differenze.

    Una su tutte: Formigoni ed Errani sono stati candidati lo stesso al terzo mandato. C’è stata una sorta di connivente silenzio da ambo le parti, gli unici a parlare sono stati -appunto- Grillo ed i suoi, i Radicali (credo) e Civati in Lombardia.
    Anche il Corriere e La Repubblica hanno sostanzialmente fatto passare sotto silenzio la cosa, se si escludono un paio di articoli.

    La colpa non è dei grillini, la colpa è del PD: assieme ai grillini che per lo meno sono andati a mettere la crocetta, bisognerebbe contare anche gli astenuti, quelli che non hanno ritenuto neppure il caso di alzarsi e fare qualcosa.

    Sarebbe interessante capire anche il “peso” elettorale del movimento No Tav, ma non ho strumenti o dati in proposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *